neo(N)eiga - Archivio: impressioni su PIC-NIC

impressioni su PIC-NIC

Regia: IWAI Shunji

Interpreti: Chara, Tadanobu Asano

Giappone, 1994

Vincitore nel 1996 al festival di Berlino della sezione 'Prize of The readers of the Berliner Zeitung', questo film del giovane Iwai Shunji è sfacciatamente lezioso, di quella sfacciataggine che tocca comunque solo in minima parte l''umus' dell'opera e la sua qualità "oggettiva".
Leziosaggine naif in qualche modo, che rende la pellicola scusabile e, forse, anche più appetibile, perché qui si parla di temi fortemente sentiti, universali, quali il sentirsi profondamente straniero, la solitudine, il suicidio, la morte, la dannazione, il perdono; temi che si trovano comunque già in parte (se non tutti) nell'opera più conosciuta, e riuscita, che farà lo stesso Iwai l'anno dopo: Love letter.
Mentre in quest'ultima pellicola però lo stile ben si sposa con i contenuti, in Pic-Nic il tutto "stride" ineluttabilmente, la forma sembra non corrispondere al contenuto in una schizofrenia stilistica e narrativa: si narrano momenti troppo intimi e bui per essere rappresentati ,come in parte viene fatto, con la leggiadra ma insistente e patinata vena di sentimentalismo ben presente per tutta la durata della pellicola.
E questa impressione viene accentuata con il pur bel lato 'horror-perturbante' consumato tra il giovane recluso Tsumugi, e la sua personalissima ossessione/prigione: il fantasma del suo professore che il ragazzo stesso uccise in un torrenziale giorno di pioggia, in un paio di scene ben congegnate e realizzate che però si inseriscono un poco forzosamente nella stilistica cupo "patinata" di tutto il resto della pellicola.
Per tutto il film una canzoncina cantata da chierichetti di una chiesa si sente: fischiettata, sillabata, mugugnata in sottofondo, diegeticamente ed extradiegeticamente alla trama.
Per qualche istante, Iwai, ci fa credere veramente allo strano, disperato, dolce pic-nic/fuga del titolo, per un attimo fatalmente breve il regista riesce a farci credere che il cinema possa essere davvero una senza speranza ed infinita passeggiata su dei muretti di tre stranieri/pazzi in terra natia, senza mai scendere al suolo, senza mai toccare terra, in precario equilibrio, da lassù in fondo si vede molto meglio, e quando si deve scendere, è solo al fine di spararsi un colpo in testa definitivo, prima della fine del mondo.
Un film pregno di difetti e di intime qualità che solo una cultura ed una cinematografia come quella giapponese nel bene e nel male poteva produrre.
La domanda affatto retorica che sorge è: tutto questo può essere sufficiente?

Top | Torna all'indice

mini logo | | Licenza Creative Commons


Sito ottimizzato per IE5.5+, Netscape 7+, Opera 7+, Mozilla 1.0+, Safari 1.1+ | risoluzione consigliata 1024x768