neoneiga banner



The Cat Returns
locandina

Trama

La giovane Haru salva la vita ad un gatto che sta per essere schiacciato da un camion, senza immaginare che si tratti del figlio del sovrano del regno felino. Per ringraziarla il re intende farle visitare il suo mondo, invisibile agli occhi umani, e darla in sposa allo stesso principe. Haru, che non ha nessuna intenzione di diventare una gattina, cerca qualcuno che possa aiutarla a rifiutare questa "ricompensa" e si imbatte in "Barone", un solitario micio aristocratico che vive, sotto forma di pupazzo, nella vetrina di un negozio di antichità.

Credits

Tit. or.: Neko no ongaeshi
/ t.l.: La ricompensa del gatto

Regia: Morita Takeshi

Sceneggiatura: Yoshida Reiko, dal manga di Hiragi Aoi

Musiche: Nomi Yuji

Durata: 75'

Anno: 2002

Commento

Neko no ongaeshi è, fondamentalmente, un cartone animato per bambini. Se si accetta questo assunto il film risulta piacevole e divertente, intriso di sentimentalismo e di momenti umoristici. Se si cerca invece il paragone con le precedenti pellicole dello Studio Ghibli non possono che nascere alcune perplessità, ed emerge l'idea di un film privo di ambizioni, che si accontenta di divertire il pubblico più giovane senza offrire alcuno spunto di riflessione. Situazioni e atmosfere sono esattamente quelli di una favola - e il personaggio di Barone è ripreso difatti dal racconto scritto dalla protagonista di Whispers of the heart - ma non c'è qui né la forza narrativa di un Laputa né la visionarietà di uno Spirited Away. Anche lo stesso motivo della scoperta del "mondo incantato" è ormai un po' logoro e Lewis Carrol, forse, comincia ad averne abbastanza di citazioni all'acqua di rose. Si sente chiaramente l'assenza del trio Miyazaki-Kondo-Hisaishi, ma se il regista Morita se la cava comunque bene (non che gli sia chiesto un grande sforzo, in fin dei conti), il character design, povero di linee e stereotipato nello stile - oltre che troppo "lucido" rispetto alle tinte pastello usate nei fondali - regge poco il confronto con i "bei faccioni un poco sgraziati" che da anni caratterizzavano originalmente i lavori di questo gruppo. Un'opera modesta quindi, che non intacca la fama dello Studio Ghibli, ma che nemmeno gli fa onore. (Gary-San)

Giudizio:1 occhio e 1/2

Top | Torna all'indice

mini logo | | Licenza Creative Commons


Sito ottimizzato per IE5.5+, Netscape 7+, Opera 7+, Mozilla 1.0+, Safari 1.1+ | risoluzione consigliata 1024x768