neoneiga banner



Don't look up

Trama

Durante le riprese del suo primo lavoro, Murai, un giovane regista, si accorge di alcuni frammenti di un vecchio film, che ricorda di aver visto nella sua infanzia, impressi sulla pellicola. Contemporaneamente, strani avvenimenti disturbano il set.

Credits

Titolo: Joyûrei (L'attrice fantasma)

Titolo alternativo: Ghost actress

Regia: Nakata Hideo

Sceneggiatura: Takahashi Hiroshi

Interpreti: Yanagi Yûrei, Shirashima Yasuyo, Ishibashi Kei, Oosugi Ren, Sabu, Kikuchi Takanori, Takahashi Akira,

Durata: 75'

Anno: 1996

Commento

Primo lungometraggio di Nakata (prodotto da Sento Takenori), che già si era cimentato con l'horror in alcune serie televisive. Di certo manca della finezza delle sue opere successive (per lo meno delle migliori), ma vi si riscontrano le tematiche e le iconografie care al regista, per il quale l'orrore nasce da una riesaminazione del reale quotidiano, filtrato attraverso la sua riproduzione (qui si tratta di pellicola, in Ring si tratterà del video, in Chaos di una continua ricostruzione mentale degli avvenimenti accaduti), un reale allo stesso tempo spaventosamente oggettivo (rispetto a ciò che la nostra coscienza vorrebbe omettere) e capace, di visione in visione, di generare sfumature di significato differenti agli occhi dei protagonisti. L'attrice fantasma non è ancora un personaggio terrorizzante come Sadako, ma per due o tre volte la sua risata coglie nel segno, e suscita brividi genuini, mentre il finale, pur privo della complessità e della profondità di Ring e Dark water, è certamente spiazzante nel suo mancare di una qualsiasi soluzione: non solo non vincono i buoni, ma non si può nemmeno parlare di conflitto, in una vicenda dove nessuno capisce chiaramente che cosa stia accadendo. Semplicemente, il regista si limita a far calare l'orrore nel bel mezzo di una data situazione, resa più credibile e "normale" dalle varie sfaccettature nei rapporti tra i personaggi (ma Nakata non è mai troppo a suo agio nelle scene a sfondo sentimentale), lasciandoci intendere che episodi di questo genere sono già accaduti in passato e ancora accadranno. Commento sonoro un po' pesante e grossolano, ma divertente. (giacomo)

Giudizio:2 occhi e 1/2

Top | Torna all'indice

mini logo | | Licenza Creative Commons


Sito ottimizzato per IE5.5+, Netscape 7+, Opera 7+, Mozilla 1.0+, Safari 1.1+ | risoluzione consigliata 1024x768