neoneiga banner



Linda Linda Linda
locandina

Trama

A tre giorni dal festival scolastico, quando la cantante da forfait, gli altri tre membri di una band tutta al femminile vengono prese dal panico: la cantante era il loro punto forte, e senza di lei non potranno fare le loro canzoni originali. Ma senza perdersi d’animo, decidono di cercare una nuova cantante e di optare per tre canzoni dei Blue Hearts, tra le quali la famosa Linda Linda Linda. La loro scelta cade, un po’ per caso, su Song, una studentessa coreana che dapprima fa fatica ad imparare le canzoni, ma il cui impegno porta una sferzata di vitalità al gruppo. Tre giorni però sono davvero pochi, e le nostre eroine cercano di dividere il loro tempo tra le prove e le altre attività scolastiche, finendo per addormentarsi letteralmente sui loro strumenti.

Credits

Regia: Yamashita Nobuhiro

Sceneggiatura: Mukai Kosuke, Miyashita Wakako, Yamashita Nobuhiro.

Musica: James Iha.

Interpreti: Sekine Shiori, Kashi Yu, Maeda Aki, Bae Doona.

Durata: 114'

Anno: 2005

Commento

Linda Linda Linda è un film delizioso, che narra non solo il cammino verso il festival scolastico delle quattro protagoniste, quasi una sfida con se stesse, ma anche una serie di piccole, delicate scenette dalla comicità nascosta, che diventano il vero punto di forza del film. In particolare, le più simpatiche sono quelle che vedono coinvolta Song: la ragazza va al karaoke per imparare le canzoni, e l’impiegato cerca di farle capire che per cantare, deve anche ordinare da bere. Lei mostra la sua bottiglietta d’acqua e dice che lei vuole solo cantare, bere non le interessa. E così via, in un crescendo di incomunicabilità che fa risaltare ancor più la comunicazione non verbale che Song crea con le altre ragazze del gruppo. Poco dopo, un ragazzo giapponese le fa una dichiarazione d’amore in coreano, ma Song non capisce, lo ringrazia e se ne va, mentre lui continua a ripetersi , imperterrita. Il rapporto tra studenti giapponesi e coreani, che era impensabile pensare di rappresentare fino a qualche anno fa, viene qui dipinto con una leggerezza e una sincerità estremi, come nella scena del club di coreano durante il festival, interamente incentrato sulla yakiniku, piatto di cucina coreana molto popolare in Giappone. Accanto alle cover dei Blue Hearts, la musica è firmata da James Iha, ex Smashing Pumpkins. (alice massa)

Linkografia

Giudizio: 3 occhi

Top | Torna all'indice

mini logo | | Licenza Creative Commons


Sito ottimizzato per IE5.5+, Netscape 7+, Opera 7+, Mozilla 1.0+, Safari 1.1+ | risoluzione consigliata 1024x768