neoneiga banner



Memories
locandina

Trama

Memories è composto da tre episodi, l’uno contenente l’altro. Il primo tratta di una missione di salvataggio nello spazio siderale. Il secondo di un’arma batteriologica dalle potenzialità disastrose, che cade nelle mani di un inconsapevole impiegato. Il terzo della vita di una città, che si dedica unicamente al bombardamento di un nemico invisibile. 

Credits

Regia:
Memories: Koji Morimoto
Stink bomb: Tensai Okamura
Cannon fodder: Katsuhiro Otomo

Sceneggiatura:
Satoshi Kon, Katsuhiro Ôtomo

Produzione: Kodansha / Shochiku Films / Bandai

Anno 1996

Durata 110 min.

Commento

Come un gioco di scatole cinesi, Memories si snoda attraverso l’immaginazione e la genialità di tre autori che fanno capo a Katsuhiro Otomo, genio dell’animazione, autore di un kolossal sospeso e eterno quale Akira. Memories è composto di tre episodi, ognuno rinchiuso nel corpus narrativo dell’altro. Il primo episodio, Memories appunto, diretto da Koji Morimoto e tratto da un racconto breve dello stesso Otomo, è un omaggio alla fantascienza kubrickiana di 2001: Odissea nello spazio e a quella piacevolmente poetica di Tarkovskij di Solaris. Il secondo, diretto da Tensai Okamura, è una satira tendente all’eccesso sulla paranoia del terrorismo e delle armi batteriologice. Il terzo è un meraviglioso piano sequenza, girato ed inventato da Otomo, che rappresenta la giornata tipo di una città il cui unico scopo è cannoneggiare un nemico di cui non si sa niente. Il primo Memories s’inserisce nel secondo come semplice programma tv, mentre il secondo (Stink Bomb) come sogno di un bambino, personaggio del terzo (Cannon fodder). Sono tre episodi apparentemente slegati fra loro, per lo meno concettualmente. Ma è evidente come il tema portante dell’intero film, Trino che diventa Uno, è l’esame, ora ironico, ora drammatico, degli aspetti più insensati dell’essere umano. I suoi lati più effimeri e nascosti, che riaffiorano sotto forma di sogno, di paranoia, di paura.

Otomo si diverte a traslare tempo e spazio, senza definire in maniera precisa il luogo dell’azione e il momento, giocando con i personaggi, usandoli come burattini, per dimostrare l’inafferrabilità del cinema e della vita. (Andrea Fontana)

Giudizio:4 occhi

Top | Torna all'indice

mini logo | | Licenza Creative Commons


Sito ottimizzato per IE5.5+, Netscape 7+, Opera 7+, Mozilla 1.0+, Safari 1.1+ | risoluzione consigliata 1024x768