neoneiga banner



Returner
locandina

Trama

Su di una nave mercantile Miyamoto cerca vendetta nei confronti di Mizoguchi, un potente boss mafioso che anni addietro ha ucciso suo fratello. Qualcuno sta però osservando lo scontro: è Milly, una ragazza proveniente da un futuro devastato, tornata indietro nel tempo per impedire il lo scoppio di una guerra tra umani e alieni. Dopo aver convinto “con le buone” Miyamoto a prestarle il suo aiuto, la giovane guerriera intraprenderà un’impresa straordinaria: impedire all’odiato Mizoguchi accendere la miccia che farà esplodere la guerra ed al tempo stesso aiutare il suo nuovo compagno a trovare vendetta.

Credits

Tit. or.: Ritaanaa

Regia: Yamazaki Takashi

Sceneggiatura: Yamazaki Takashi
Hirata Kenya

Interpreti: Kaneshiro Takeshi
Suzuki Anne
Kiki Kirin
Kishitani Goro
Okamoto Yukiko

Durata: 116 min

Anno: 2002

Commento

L’alta spettacolarità degli effetti speciali digitali utilizzati in Returner potrebbe far pensare ad un’innovazione rispetto alle precedenti produzioni nipponiche del genere. In realtà il soggetto ormai consumato della guerra tra umani ed alieni e la sceneggiatura tutto sommato ordinaria portano alla mente le più banali produzioni hollywoodiane degli ultimi anni.

Attingendo per gli effetti speciali da Matrix, e con situazioni che ricordano esageratamente Terminator, e a ben pensarci moltissimi altri cult sul tema viaggio nel tempo (come Ritorno al futuro), il film non presenta nulla di veramente originale. Anche la regia si limita a scimmiottare le gesta del grande John Woo. L’unica nota positiva arriva forse dalla concezione di alcune navicelle spaziali (rievocanti, nelle trasformazioni, i nostalgici Transformers) e dal (doppio) finale che riesce, nonostante l’ammassamento di stereotipi, a regalarci una piccola sorpresa. Non ci sono commenti invece a riguardo dell’inverosimile follia del “cattivo” di turno, il quale passerà alla storia del cinema come l’unico yakuza che tratta il primo alieno sbarcato sulla terra come un frugoletto a cui vorrebbe rubare le caramelle... Gli amanti del trash vi troveranno poi altri spassosissimi duetti comici/patetici tra umani e non. Il film è stato distribuito anche nelle sale americane.  (Ivan Enrico)

Giudizio:1 occhio

Top | Torna all'indice

mini logo | | Licenza Creative Commons


Sito ottimizzato per IE5.5+, Netscape 7+, Opera 7+, Mozilla 1.0+, Safari 1.1+ | risoluzione consigliata 1024x768