neoneiga banner



Shinobi
locandina

Trama

In piena era Tokugawa, Gennosuke (Odagiri Joe) è il nipote del leader del clan dei Koga ninja, mentre Oboro (Nakama Yukie) è la nipote di Ogen (Lily) matriarca del clan di Iga. Per volere del consigliere Nanboko Tenkai (Ishibashi Renji), agli ordini dello Shogun Ieyasu Tokugawa, i due clan dovranno affrontarsi in una sfida mortale che vedrà sopravvivere un unico vincitore. Tuttavia Gennosuke e Oboro si amano segretamente…

Credits

Shinobi
(t.l. : l’arte del ninja)

Regia: Shimoyama Ten; Sceneggiatura: Hirata Kenya; Fotografia: Chikamori Masasai; Montaggio: Kawase Isao; CG Supervisor: Hayashi Hiroyuki; Cast: Odagiri Joe, Nakama Yukie, Lily, Terada Minoru; Matsushige Yutaka, Ishibashi Renji, Kinoshita Hoka, Sakaguchi Taku, Kurotani Tomoka; Durata: 101’; Anno: 2005

Commento

Tratto dal romanzo di Yamada Futaro e diretto dall’eclettico regista Shimoyama Ten (ha spaziato dai videoclip ai videogiochi), Shinobi è stato uno dei maggiori successi commerciali al botteghino del Sol Levante durante il 2005. Ambientato nel Giappone dell’era Tokugawa, il film ruota attorno alla figura controversa e fascinosamente misteriosa del ninja (o Shinobi per l’appunto) e sulla lotta tra i due clan principali: i Koga guidati dal giovane Gennosuke, e gli Iga della giovane Oboro. Se la contrastata storia d’amore tra i due leader rappresenta il motore narrativo della vicenda, le straordinarie sfide tra i guerrieri sono la parte che meglio cattura l’attenzione dello spettatore. Splendidamente coreografati  da  Shimomura Yuji, e aiutati nella messa in scena da un uso professionale e non invasivo della CGI ad opera di Hayashi Hiroyuki, i combattimenti riescono a raggiungere una certa spettacolarità e un particolare gusto del fantastico. Le buone interpretazioni di Nakama Yukie, capace d’essere donna e guerriero nello stesso tempo, e di Odagiri Joe, ninja innamorato ma ligio al dovere, unite ad alcune felici scelte narrative (meno scontate di quello che possono sembrare) e coadiuvate da un finale ad alto tasso emotivo, fanno di Shinobi un onesto prodotto di intrattenimento, molto più sincero e meno lezioso di lungometraggi simili spacciati per film d’autore. (Paolo Negrinotti)

Giudizio:2 occhi e 1/2

Top | Torna all'indice

mini logo | | Licenza Creative Commons


Sito ottimizzato per IE5.5+, Netscape 7+, Opera 7+, Mozilla 1.0+, Safari 1.1+ | risoluzione consigliata 1024x768