neoneiga banner



Nakata Hideo

Profilo

Nato nel 1961 ad Okayama, è ormai noto in tutto il mondo come il maestro del nuovo horror giapponese. Meno versatile e sperimentatore rispetto ad altri colleghi, Nakata ha il merito di essere riuscito a creare un cinema di genere efficace, "ben fatto" ma non solo, solido nella confezione e denso nei contenuti. Le due opere che lo hanno reso celebre a livello mondiale sono il "best-seller" Ring (1998), e Dark water (2001), entrambi frutto della prolifica collaborazione con lo sceneggiatore Takahashi Hiroshi e lo scrittore Suzuki Kôji, qui al loro meglio. Insieme a opere meno interessanti ma ugualmente di buon livello come Don't look up (1996) e Ring 2 (1999), queste pellicole hanno fatto scuola, trovando molti emuli, pochi dei quali sono riusciti a raggiungerne l'eleganza di stile e la profondità. Nakata recupera l'immaginario spiritico del kaidan infondendogli nuova linfa grazie ad un'efficace miscela di film dell'orrore e dramma familiare, alla quale conferisce nuove caratteristiche e significati adattandola alla realtà del Giappone contemporaneo. Il mostro di Nakata rifugge sia i canoni del villain, (diventando non un �altro� da eliminare, ma un dato di fatto permanente con il quale occorre imparare a fare i conti), sia in parte la stessa struttura del kaidan, così che l'oggetto del rancore slitta dall'autore del sopruso ad un'umanità indefinita. Caratteristici degli horror del regista sono inoltre gli scenari acquatici e una suggestione di maternità che aleggia nella storia, nei personaggi, nelle scenografie. I risultati non sono altrettanto brillanti quando Nakata si allontana dal dramma-horror, ma solo nel caso di Sleeping bride (2000) si può parlare di vero e propria delusione, mentre comunque interessanti sono il thriller Chaos (2000), Sadistic & masochistic (2000) - documentario sul regista di roman-porno Konuma Masaru, di cui Nakata fu assistente - e il film drammatico Last scene (2002). In seguito al remake americano di Ring (Gore Verbinski, 2003), la fama del regista si è fatta mondiale, ed Hollywood l'ha reclutato per girare il remake di Ring 2 ed un nuovo thriller: True Believers.

Top | Home Page

mini logo | | Licenza Creative Commons


Sito ottimizzato per IE5.5+, Netscape 7+, Opera 7+, Mozilla 1.0+, Safari 1.1+ | risoluzione consigliata 1024x768